Emilia-Romagna: il territorio “avanzato” del ricatto del permesso di soggiorno

Continue denunce e prese di posizione provenienti non solo da Bologna mostrano come le prefetture e le questure della regione delle opportunità siano coordinate per agire arbitrariamente e ostacolare quotidianamente la vita delle donne e degli uomini migranti. Il tutto nel silenzio più assoluto della regione, del suo governatore, della sua maggioranza in assemblea regionale.…

Contro i muri del razzismo democratico

Il 20 febbraio abbiamo protestato davanti alla Prefettura come eritrei, rifugiati e migranti che in questo paese subiscono una legge che invece di proteggere discrimina, nega l’asilo e costringe in un labirinto burocratico fatto di silenzi e muri. Il presidio ha aperto la possibilità di incontrare giovedì 25 febbraio alcuni dei responsabili degli uffici immigrazione…

Che fine ha fatto il tavolo regionale chiesto dal Coordinamento Migranti? Un’interpellanza alla vice-presidente Gualmini

La serie di comunicati del Coordinamento migranti dell’Emilia Romagna che denuncia alcuni dei molti casi in cui le questure e le prefetture di questa regione hanno ignorato i diritti dei migranti ha infine prodotto un effetto. Ora i responsabili non si possono più nascondere. Grazie a un’interpellanza presentata alla seduta del Consiglio Regionale del 21…

Casi scottanti per le questure dell’Emilia-Romagna: perché Youssef non può rinnovare la carta di soggiorno?

La Regione latita, la Prefettura guarda ad Alfano che ha appena deciso di espellere 7 migranti “colpevoli” di aver scaricato materiali sospetti da Internet e le Questure dell’Emilia-Romagna continuano ad amministrare serenamente il razzismo. Nulla di nuovo sotto il sole, si direbbe, tanto più che le promesse estive della vice presidente Gualmini di istituire un…