Prefettura, regione e i tavoli fantasma

Quarto bollettino del Coordinamento Migranti contro la gestione politica del rinnovo del permesso di soggiorno, leggi il primo qui, qui il secondo e qui il terzo Apprendiamo dai giornali che il 23 settembre la Regione e la Prefettura si sono incontrate attivando un protocollo per consentire il lavoro volontario – e gratuito! – dei profughi. È davvero ammirevole…

7 NOVEMBRE // BOLOGNA // PRESIDIO DEI E DELLE MIGRANTI CONTRO IL RAZZISMO ISTITUZIONALE

PRESIDIO DEI E DELLE MIGRANTI Contro il razzismo istituzionale di Questure e Prefetture dell’Emilia-Romagna SABATO 7 NOVEMBRE ORE 10.30 PIAZZA ROOSEVELT, BOLOGNA (davanti alla Prefettura) Hai problemi con il permesso di soggiorno, la carta di soggiorno o il ricongiungimento familiare? O attendi da mesi un permesso che la Questura ti darà quasi scaduto? Per avere…

La Questura gioca di prestigio

Terzo bollettino del Coordinamento Migranti contro la gestione politica del rinnovo del permesso di soggiorno da parte della Questura di Bologna, leggi il primo qui e qui il secondo Mentre in Parlamento la maggioranza di governo sbandiera la sua presunta civiltà approvando un testo sulla cittadinanza che in realtà creerà nuove gerarchie e forme d’esclusione,…

Il tempo dei migranti e i tempi della Questura

Secondo bollettino del Coordinamento Migranti contro la gestione politica del rinnovo del permesso di soggiorno da parte della Questura di Bologna, leggi il primo qui Perché alla Questura di Bologna il tempo per i migranti non passa mai? Non è un indovinello, ma la dura realtà che i migranti che abitano a Bologna e in…

Quel che la Questura finge di non sapere…

La scorsa primavera abbiamo avviato un percorso di mobilitazione e organizzazione che ci ha portato a denunciare la gestione politica delle pratiche di rinnovo del permesso di soggiorno, di concessione della carta di soggiorno e dei ricongiungimenti familiari da parte delle Questure e degli Uffici stranieri di molte provincie della regione. È così nato il…

Per i migranti è tempo di fatti. Perché la regione tace?

Ripartiamo dal lavoro organizzativo e politico fatto a Modena, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Forlì e Bologna. Ripartiamo dalle nostre lotte, dalle mobilitazioni e dall’assemblea del 13 giugno, da cui è nato il Coordinamento Migranti Emilia-Romagna. Grazie all’iniziativa politica diretta dei migranti, nel solito silenzio di partiti e sindacati, la vice presidente Gualmini ha dovuto rispondere…