Per mare e per terra. La guerra di Salvini alle e ai migranti

Salvini è sotto attacco: i porti virtualmente chiusi via twitter non reggono all’urto del movimento dei migranti. Nei giorni in cui Salvini faceva lo sbruffone con le Ong, circa 500 migranti sbarcavano i Italia nell’indifferenza generale. È in difficoltà, specie perché dal governo libico, alleato fondamentale per contenere le partenze con i mezzi più brutali,…

La residenza è una vittoria delle e dei migranti!

Alcuni giorni fa due richiedenti asilo a cui il Comune di Bologna aveva negato l’iscrizione all’anagrafe, e dunque la residenza, hanno finalmente ottenuto che questa discriminazione finisse. In seguito a una sentenza emessa dal Tribunale di Bologna, infatti, il Comune è dovuto tornare sui propri passi e riconoscere che è legittima l’iscrizione anagrafica dei richiedenti…

Il 6 aprile Bologna e Modena in piazza contro razzismo e sfruttamento – video intervista a Karim e Mamadou – La logistica dello sfruttamento/5

Pubblichiamo l’ultima parte della doppia intervista a Mamadou (nome di fantasia), operaio e richiedente asilo, e Karim, delegato del sindacato SiCobas [qui la prima parte].  Questo pomeriggio a Bologna una manifestazione delle e dei migranti dirà no al razzismo di governo che vorrebbe tutte e tutti precari e sfruttati. Al centro della mobilitazione ci saranno…

Ma al Comune c’è Merola o Salvini? La Bologna “accogliente” che nega la residenza ai migranti: il caso di Ayad

In questa intervista Ayad (il nome è di fantasia), richiedente asilo in attesa del parere della Commissione territoriale, ci mostra quanto accogliente sia il Comune di Bologna: Merola pratica l’accoglienza a parole, siglando patti simbolici e chiedendo la sospensione altrettanto simbolica del decreto Salvini, ma poi lo applica alla lettera negando la residenza ai richiedenti…

Come la DHL sfrutta i richiedenti asilo? Intervista a Ibrahim – La logistica dello sfruttamento/3

Dopo le interviste a Sandra e Papis, continua l’inchiesta nei magazzini della logistica dove è sempre più evidente l’esistenza di una connessione tra lo sfruttamento del lavoro delle e dei migranti e gli effetti della nuova Legge Salvini. Incontriamo Ibrahim, (il nome è di fantasia), facchino alla DHL di Bologna, dove l’agenzia interinale Randstad sta…