Nelle case, per le strade, sui confini, basta violenza sulle donne!

di Coordinamento Migranti Bologna, Asahi Modena, Associazione dei lavoratori marocchini in Italia, Associazione Senegalese Cheikh Anta Diop, Eritrea Democratica, Diaspora Ivoriana dell’Emilia Romagna Siamo migranti, uomini e donne, e oggi prendiamo parola per dire basta alla violenza maschile. Alcuni di noi sono in Italia da decenni, altri da pochi mesi. Alcuni di noi lavorano, sempre…

Il governo dell’odio: Caleidos e l’accoglienza ai tempi di Salvini

di COORDINAMENTO MIGRANTI BOLOGNA e ASAHI MODENA La cooperativa Caleidos ha iniziato a Modena la stagione delle grandi pulizie d’autunno. “Ripulire” le strutture dell’accoglienza dai richiedenti asilo che osano ospitare amici migranti che altrimenti vivrebbero per strada: ecco la nuova missione sociale di Caleidos, che si è subito allineata alla politica di svuotamento degli Sprar prevista…

SCP//Edizione speciale – Assemblea delle e dei migranti: Senza paura contro il decreto Salvini – 3 Novembre ore 15, Circolo Berneri

È on line l’edizione speciale di SENZA CHIEDERE IL PERMESSO – SPECIALE DECRETO SALVINI. Chi è il “ministro della paura”? Che cosa prevede il decreto sicurezza? Che cosa può fare realmente contro i migranti? E che cosa possiamo fare noi contro il decreto? Abbiamo provato a rispondere a queste domande in questo numero del giornale. Per…

Vivons pour être libres. Contre le racisme du gouvernement, contre la pauvreté

Le 6 juillet 2018 le Ministre de l’intérieur a émis une circulaire pour régler le travail des Commissions territoriales chargées d’octroyer ou de nier le permis de séjour humanitaire. D’après la circulaire, l’octroi du permis ne dépend plus de l’évaluation de chaque cas isolé, mais il doit s’appuyer exclusivement sur l’examen des conditions objectives du pays…

Viviamo per essere liberi. Contro il razzismo di governo, contro la povertà

di ASAHI MODENA e COORDINAMENTO MIGRANTI I “gravi motivi” da esibire, dimostrare e comprovare per ottenere un permesso di soggiorno umanitario in Italia dovranno prescindere dalla “mera constatazione di criticità”. Il rigido linguaggio burocratico non riesce a mascherare la brutalità del comando. L’esistenza materiale delle migranti e dei migranti, ciò che hanno vissuto per arrivare…